Approvata la missione spaziale PLATO per la ricerca di nuovi esopianeti

Approvata la missione spaziale PLATO per la ricerca di nuovi esopianeti

Pochi giorni fa vi avevo parlato degli ultimi risultati scientifici del telescopio spaziale Kepler. La buona notizia è che tra qualche anno Kepler avrà un successore, grazie alla missione spaziale PLATO (PLAnetary Transit and Oscillations of stars), approvata dall’ESA Science Program Committee tenutosi a Madrid.

Caratteristiche della missione PLATO

PLATO è la terza missione di classe media del programma ESA’s Cosmic Vision e sarà un satellite molto avanzato, costruito dall’ESA con una forte partecipazione italiana. PLATO sarà lanciato nel 2026 dalla Guyana Francese e sarà posto in orbita nel punto lagrangiano L2, a circa 1,5 milioni di km dalla Terra. Gli obiettivi principali della missione saranno:

  • Scoprire nuovi esopianeti simili alla Terra nella zona abitabile e studiarne le caratteristiche (massa, raggio, età)
  • Studiare le caratteristiche principali delle stelle, tra cui l’età
  • Studiare l’attività sismica nelle stelle
  • Studiare la struttura dei sistemi solari osservati

Per portare a termine questi obiettivi, il satellite sarà dotato dei più avanzati strumenti astronomici disponibili, in grado di superare la precisione già elevatissima ottenuta dal telescopio spaziale Kepler. A differenza di quest’ultimo, però, PLATO si concentrerà su stelle più luminose, di magnitudine compresa tra 4 e 11, perchè così sarà possibile determinare con precisione le caratteristiche dei pianeti, delle stelle e in generale la struttura dei sistemi solari studiati. 

A bordo del satellite troveranno posto ben 26 telescopi in grado di osservare quindi ampie porzioni del cielo. Di questi, 24 saranno dedicati allo studio di stelle più deboli, oltre la magnitudine 8, con una cadenza di lettura di 25 secondi. Altri 2 telescopi invece, con una cadenza di lettura più breve, pari a 2,5 secondi, saranno dedicati invece allo studio delle stelle più luminose, dalla magnitudine 4 alla magnitudine 8. 

La missione avrà una durata di 4 anni e produrrà un catalogo di esopianeti molto simili alla Terra. Questo catalogo diventerà il punto di riferimento della comunità astronomica e su di esso saranno basate osservazioni con i telescopi, studi, e analisi spettroscopiche per studiare le atmosfere degli esopianeti, alla ricerca di nuove forme di vita.

Approvata la missione spaziale PLATO per la ricerca di nuovi esopianeti

Rappresentazione del satellite PLATO.

La partecipazione italiana alla missione PLATO

La missione avrà una forte partecipazione italiana. I telescopi infatti saranno progettati dai laboratori INAF di Milano, Padova e Catania e saranno realizzati dalla Leonardo a Firenze, in collaborazione con l’Università di Berna, di TAS Italia e di Mediolario. Il computer di bordo sarà progettato sempre dall’INAF, in particolare nelle sedi di La Palma, Firenze e Roma e sarà costruito da Kayser Italia. L’Università di Padova invece fornirà il catalogo stellare che sarà usato da PLATO nella sua osservazione del cielo.

Questa partecipazione italiana alla missione è solo l’ultimo esempio dell’apporto scientifico dato dalle nostre università e dalle nostre industrie ed è sicuramente motivo di grande orgoglio. Questo sentimento è stato bene espresso da Barbara Negri, responsabile dell’Unità esplorazione e osservazione dell’universo dell’ASI, la quale ha affermato:

“La missione PLATO è stata fortemente sostenuta dall’ASI, non solo per la valenza scientifica della ricerca di esopianeti, ma anche per valorizzare la capacità di realizzare in Italia i telescopi e l’elettronica associata, per i quali la comunità scientifica e l’industria italiana possiedono una leadership indiscussa in Europa”.

 

Share
Condivisioni

Questo sito web utilizza i cookie tecnici per il suo normale funzionamento. Sono inoltre presenti widget social e pulsanti di condivisione che potrebbero rilasciare cookie di terze parti. Per attivare tutte le funzionalità del sito, è necessario accettare i cookie. Per maggiori informazioni, si prega di leggere la Privacy Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi