Il cielo di Gennaio 2018

Il cielo di Gennaio 2018

Il Sole

Attualmente il Sole si trova nella costellazione del Sagittario e il 20 gennaio si muoverà nella costellazione del Capricorno.

La Terra si troverà al perielio alle ore 7 del 3 gennaio, alla minima distanza dal Sole pari a  147.097.245 km

Di seguito sono riportati gli orari dell’alba e del tramonto nel corso del mese.

Data Alba Tramonto
1 gennaio 07:40 16:51
15 gennaio 07:37 17:06
31 gennaio 07:26 17:25

 

Le fasi lunari

Di seguito sono riportate le fasi lunari per il mese di gennaio 2018.

Fase Data Ora
Luna piena 2 gennaio 03:24
Ultimo quarto 8 gennaio 23:25
Luna nuova 17 gennaio 03:17
Primo quarto 24 gennaio 23:20
Luna piena 31 gennaio 14:27

 

Le costellazioni

Il cielo di Gennaio 2018

Il cielo a mezzanotte del 15 gennaio 2018

Il cielo di gennaio è il miglior periodo per osservare le grandi costellazioni invernali: Orione, Toro, Gemelli, Leone, Cane Maggiore e le loro stelle più importanti come Sirio, Castore, Polluce, Aldebaran. Nel cielo a nord dominano come sempre le costellazioni circumpolari (Orsa Maggiore, Orsa Minore, Cassiopea). Ancora visibili le costellazioni Pegaso e Andromeda, nella quale è possibile osservare la famosa galassia M31.

Il cielo di Gennaio 2018 Mercurio

Mercurio è ben visibile verso la metà del mese, quando sarà possibile osservarlo circa un’ora e 45 minuti prima del sorgere del Sole. Verso fine mese il tempo di osservabilità tenderà a ridursi e fine mese il pianeta sarà inosservabile.

Il cielo di Gennaio 2018 Venere

Venere sarà in congiunzione con il Sole il 9 gennaio ed è quindi inosservabile. Dopo mesi passati a risplendere al mattino, Venere sarà visibile nel cielo serale. Sarò però necessario attendere alcune settimane perchè a fine mese sarà ancora troppo vicino al Sole.

Il cielo di Gennaio 2018  Marte

Marte è visibile nelle ultime ore della notte, in avvicinamento verso Giove con il quale sarà in congiunzione il 7 gennaio. Durante il mese Marte si muove lungo la costellazione della Bilancia e il 31 gennaio entra nello Scorpione.

Il cielo di Gennaio 2018 Giove

Giove è visibile nelle ultime ore della notte e il 7 gennaio sarà in congiunzione con Marte. Attualmente il pianeta si trova nella costellazione della Bilancia.

Il cielo di Gennaio 2018  Saturno

Saturno è ancora inosservabile, dopo la congiunzione con il Sole del mese scorso. Verso fine del mese si potrò scorgerlo tra le prime luci dell’alba.

Il cielo di Gennaio 2018  Urano

Urano si troverà per tutto il 2017 nella costellazione dei Pesci. Attualmente è possibile osservarlo durante le primissime ore della notte e a fine mese tramonterà alle 23.  Per osservare il pianeta è necessario l’uso del telescopio.

Il cielo di Gennaio 2018  Nettuno

Nettuno sarà visibile nelle primissime ore della notte nel cielo a sud-ovest. Dal 2011 è entrato nella costellazione dell’Acquario, dove rimarrà fino al 2022.  Per osservare il pianeta è necessario l’uso del telescopio.

Il cielo di Gennaio 2018  Plutone

Plutone sarà in congiunzione con il Sole il 9 gennaio 2018 ed è quindi inosservabile. Plutone si trova nella costellazione del Sagittario dove rimarrà fino al 2023. Plutone è inosservabile a occhio nudo ma anche con piccoli strumenti, è necessario almeno un telescopio da 200 mm per catturare la sua luce, essendo di magnitudine 14.

Le comete

La cometa C/2016 R2 PanSTARRS si trova attualmente nella costellazione del Toro ed ha un’attività irregolare. Il perielio è previsto il 9 maggio 2018 ma la minima distanza dalla Terra è stata raggiunta il 23 dicembre scorso, quando la cometa è passata a 2,03 UA dal nostro pianeta. La cometa passerà a inizio di gennaio nei pressi di Aldebaran, quindi vicino all’ammasso aperto delle Iadi e a fine mese a circa 3° dalle Pleiadi.

La cometa C/2017 T1 Heinze, scoperta di recente dall’astronomo Heinze, si sta avvicinando rapidamente al perielio previsto per il 21 febbraio e a inizio mese passerà ad appena 0,23 UA dalla Terra.

Sciami meteorici

Le meteore più interessanti di gennaio 2018 saranno le Quadrantidi, dette anche Bootidi. Il picco massimo di attività è previsto per il 3 e il 4 gennaio, ma sarà molto difficile osservarle a causa della Luna piena. In Italia al tramonto del Sole il quadrante è basso sull’orizzonte quindi il momento per migliore per iniziare a osservarle è intorno a mezzanotte, orario che può essere anticipato per le latitudini più meridionali del nostro paese.

Altri sciami meteorici minori si possono individuare nella regione del cielo compresa tra le costellazioni dei Gemelli, del Cancro, dell’Idra e del Cane Minore: le Delta Cancridi (picco massimo il 16 gennaio), le Alfa Canisi Minoridi (picco massimo 16 gennaio) e le Alfa Idridi (picco massimo tra il 18 e il 19 gennaio).

Share
Condivisioni

Questo sito web utilizza i cookie tecnici per il suo normale funzionamento. Sono inoltre presenti widget social e pulsanti di condivisione che potrebbero rilasciare cookie di terze parti. Per attivare tutte le funzionalitΓ  del sito, Γ¨ necessario accettare i cookie. Per maggiori informazioni, si prega di leggere la Privacy Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi