Il cielo di marzo 2019

Il cielo di marzo 2019

Il Sole

Attualmente il Sole si trova nella costellazione dell’Acquario e il 12 marzo si muoverà nella costellazione dei Pesci.

La notte tra sabato 30 marzo e domenica 31 marzo ritorna in vigore l’ora legale e gli orologi dovranno essere spostati in avanti di un’ora.

Il 20 marzo alle ore 21:58 TU ci sarà l’equinozio di primavera.

Di seguito sono riportati gli orari dell’alba e del tramonto nel corso del mese.

DataAlbaTramonto
1 marzo06:4818:02
15 marzo 06:2518:18
31 marzo (ora legale)06:5919:35

Le fasi lunari

Di seguito sono riportate le fasi lunari per il mese di marzo 2019.

FaseDataOra
Luna nuova6 marzo17:04
Primo quarto14 marzo 11:27
Luna piena21 marzo 02:43
Ultimo quarto28 marzo 05:10

Le costellazioni

Il cielo di marzo 2019
Il cielo a mezzanotte del 15 marzo 2019.

Il cielo di marzo è ancora dominato dal cacciatore Orione e dal Cane Maggiore, con la stella Sirio, e dalle grandi costellazioni zodiacali invernali: il Toro, i Gemelli, il Cancro e il Leone. Alte nel cielo risplenderanno le costellazioni dell’Auriga e di Perseo. Ben visibili come sempre le costellazioni circumpolari, tra le quali ricordiamo l’Orsa Maggiore, l’Orsa Minore, Cassiopea. Al di sotto della fascia zodicale, con qualche difficoltà, si potranno osservare le costellazioni dell’Idra, del Cratere e dell’Unicorno.

Il cielo di marzo 2019 Mercurio

Mercurio sarà visibile per circa un’ora e mezza dopo il tramonto del Sole a inizio mese, ma la situazione cambierà velocemente in quanto il pianeta sarà in congiunzione con il Sole il 15 marzo. Ritornerà quindi visibile nel cielo del mattino a fine mese, sorgendo 50 minuti prima del Sole.

Il cielo di marzo 2019 Venere

Il periodo di osservabilità di Venere si sta riducendo sempre di più. Lo si può osservare un’ora prima del sorgere del Sole, nel cielo a est. Venere nel corso del mese attraverserà la costellazione del Capricorno e il 24 marzo entrerà nell’Acquario.

Il cielo di marzo 2019 Marte

Marte è visibile nelle prime ore della notte e tramonta verso le 23. Fino al giorno 23 marzo il pianeta rimarrà nella costellazione dell’Ariete, per poi entrare in quella del Toro.

Il cielo di marzo 2019 Giove

Giove continua a gudagnare tempo di osservabilità nel cielo del mattino. Nel corso del mese Giove si muoverà lungo la costellazione dell’Ofiuco.

Il cielo di marzo 2019 Saturno

Saturno si trova a metà strada tra Giove e Venere, nel cielo del mattino. Saturno Sorge due ore Giove e si trova nella costellazione del Sagittario.

Il cielo di marzo 2019 Urano

Urano è ormai visibile per pochi attimi subito dopo il tramonto. Urano si trova nella costellazione dell’Ariete. Per osservare il pianeta è necessario l’uso del telescopio.

Il cielo di marzo 2019 Nettuno

Nettuno sarà in congiunzione con il Sole il giorno 7 marzo e quindi sarà inosservabile per tutto il mese. Riapparirà a fine mese, per pochi attimi, nel cielo del mattino. Nettuno resterà nella costellazione dell’Acquario fino al 2022. Per osservare il pianeta è necessario l’uso del telescopio.

Il cielo di marzo 2019 Plutone

Plutone sarà visibile poco prima dell’alba nel cielo a sud-est. Plutone si trova nella costellazione del Sagittario dove rimarrà fino al 2023. Plutone è inosservabile a occhio nudo ma anche con piccoli strumenti, è necessario almeno un telescopio da 200 mm per catturare la sua luce, essendo di magnitudine 14.

Le comete

La cometa C/2018 Y1 Iwamoto, scoperta dall’omonimo astronomo dilettante a dicembre 2018, si è rivelata più spettacolare del previsto. Attualmente si sta allontanando dalla Terra con magnitudine +8, che scenderà a +10 a fine mese. La cometà si troverà per tutto il mese di marzo nella costellazione dell’Auriga e a fine mese entrerà nella costellazione di Perseo.

Sciami meteorici

Il mese di marzo non è ricco di sciami meteorici entusiasmanti.

Nei primi giorni del mese, potrete osservare le pi Virginidi (6 marzo), nella regione compresa tra le stelle Spica e Regolo.

Nella seconda metà del mese si potrebbero osservare alcuni sciami meteorici minori, la cui visibilità sarà tuttavia disturbata dal plenilunio: le eta Virginidi e le theta Virginidi, nelle notti comprese tra il 19 e il 22 marzo, e le beta leonidi.

Congiunzioni

Condivisioni

Questo sito web utilizza i cookie tecnici per il suo normale funzionamento. Sono inoltre presenti widget social e pulsanti di condivisione che potrebbero rilasciare cookie di terze parti. Per attivare tutte le funzionalità del sito, è necessario accettare i cookie. Per maggiori informazioni, si prega di leggere la Privacy Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi