Il cielo di Novembre 2017

Il cielo di Novembre 2017

Il Sole

Attualmente il Sole si trova nella costellazione del Bilancia e il 23 novembre si muoverà nella costellazione della Scorpione, quindi dal 29 novembre il Sole entrerà nella costellazione dell’Ofiuco.

Di seguito sono riportati gli orari dell’alba e del tramonto nel corso del mese.

Data Alba Tramonto
1 novembre 06:45 17:06
15 novembre 07:02 16:51
30 novembre 07:19 16:42

 

Le fasi lunari

Di seguito sono riportate le fasi lunari per il mese di novembre 2017.

Fase Data Ora
Luna piena 4 novembre 06:23
Ultimo quarto 10 novembre 21:36
Luna nuova 18 novembre 12:42
Primo quarto 26 novembre 18:03

 

Le costellazioni

Il cielo di Novembre 2017

Il cielo a mezzanotte del 15 novembre 2017

Il cielo di novembre ci offre gli ultimissimi attimi per ammirare ancora le costellazioni che ci hanno accompagnato per tutta l’estate, complice anche l’allungarsi della notte: l’Aquila, la Lira, il Cigno, Ercole. Sono ancora visibili inoltre le tre stelle del triangolo estivo: Vega nella Lira, Deneb nel Cigno e Altair nell’Aquila. Nel cielo a nord dominano come sempre le costellazioni circumpolari (Orsa Maggiore, Orsa Minore, Cassiopea). Sono anche visibili il Capricorno, l’Acquario, i Pesci e l’Ariete. Ben visibile anche le costellazioni Pegaso e Andromeda, nella quale è possibile osservare la famosa galassia M31. Nella prima parte della serata sorgeranno invece le costellazioni zodiacali del cielo autunnale e invernale: il Toro e i Gemelli. Ad est sorgerà inoltre prima di mezzanotte la costellazione di Orione e il Cane Maggiore con la splendida stella Sirio.

I pianeti

Il cielo di Novembre 2017 Mercurio

Mercurio, dopo la congiunzione del mese scorso, può essere osservato con difficoltà nel cielo serale, subito dopo il tramonto. Il miglior momento per osservarlo sarà tra dal 24 novembre alla fine del mese.

Il cielo di Novembre 2017 Venere

Venere, dopo i mesi di buona osservabilità, si sta avvicinando progressivamente alla congiunzione con il Sole. A fine mese, Venere sorgerà appena 45 minuti prima del Sole, nel chiarore dell’alba. Nel giorno 13 novembre il pianeta sarà in stretta congiunzione con Giove, inoltre lascerà la costellazione della Vergine per entrare in quella della Bilancia.

Il cielo di Novembre 2017  Marte

Marte è ben visibile prima dell’alba, e nel corso del mese si troverà nella costellazione della Vergine. Il giorno 28 novembre sarà in congiunzione con la stella Spica.

Il cielo di Novembre 2017 Giove

Dopo la congiunzione del mese scorso, Giove riappare all’alba, anche se sarà difficile da osservare per parecchi giorni. Il giorno 13 novembre sarà in congiunzione con Venere. Il 15 novembre invece il gigante gassoso abbandona la costellazione della Vergine per entrare in quella della Bilancia.

Il cielo di Novembre 2017  Saturno

Saturno è ancora osservabile, anche se ormai per poco tempo durante il tramonto, essendo prossimo alla congiunzione con il Sole. Saturno si trova attualmente nella costellazione dell’Ofiuco, che lascerà il giorno 19 novembre per entrare in quella del Sagittario.

Il cielo di Novembre 2017  Urano

Urano si troverà per tutto il 2017 nella costellazione dei Pesci. Attualmente è possibile osservarlo per quasi tutta la notte, dopo l’opposizione con il Sole del mese scorso.  Per osservare il pianeta è necessario l’uso del telescopio.

Il cielo di Novembre 2017  Nettuno

Nettuno sarà visibile per la prima parte della notte. Dal 2011 è entrato nella costellazione dell’Acquario, dove rimarrà fino al 2022. Il giorno 22 novembre Nettuno invertirà il suo moto, da retrogrado a diretto. Per osservare il pianeta è necessario l’uso del telescopio.

Il cielo di Novembre 2017  Plutone

Plutone sarà visibile per un tempo limitato nel cielo sud-occidentale, dopo il tramonto. Plutone si trova nella costellazione del Sagittario dove rimarrà fino al 2023. Plutone è inosservabile a occhio nudo ma anche con piccoli strumenti, è necessario almeno un telescopio da 200 mm per catturare la sua luce, essendo di magnitudine 14.

Le comete

La cometa C/2017 O1 ASASSN1, scoperta grazie al sistema All Sky Automated Survey destinato alla ricerca di supernovae, ha mostrato un’attività inferiore alle aspettative nel perielio. Nel corso del mese sarà sempre visibile nel cielo settentrionale e a fine del mese passerà a circa 3° dalla stella polare.

Poche altre comete degne di nota. Tra queste ne menzioniamo però due. La prima, la cometa 62/P Tsuchinshan, che arriverà al perielio il giorno 16 novembre con una magnitudine +12, muovendosi nel corso del mese prima nella costellazione del Leone e quindi in quella della Vergine.

La seconda, la cometa 24/P Schaumasse, sarà anche essa al perielio il giorno 16 novembre con una magnitudine +11,5. La cometa passerà il 2 novembre a circa 75′ dal tripletto del Leone e in seguito si muoverà nella costellazione della Vergine. Il giorno 18 novembre la cometa passerà sopra alla galassia NGC 4235 .

Sciami meteorici

Nel mese di novembre ci sono due tra i più noti sciami meteorici, le Leonidi e le Tauridi.

Le Leonidi, provocate dai resti della cometa Tempel-Tuttle, saranno visibili nei giorni compresi tra il 16 e il 18 novembre. Il radiante si trova nelle immediate vicinanze della stella gamma Leonidi e non saranno disturbate dalla Luna. 

Le Tauridi, provocate probabilmente dai resti della cometa Encke uniti a detriti meteorici, hanno una struttura più complessa. Si riconoscono due componenti, una nord e una a sud dell’eclittica. Le Tauridi nord saranno visibili sopratutto intorno al giorno 12 novembre mentre le Tauridi sud intorno al 2 e al 3 novembre. Nei giorni 7 e 8 novembre, invece, la Terra attraverserà il nodo originale della cometa e potrebbero essere visibili le Tauridi più luminose.

Degni di nota infine altri due sciami meteorici: le alfa Monocerontidi e le Andromedidi. Il picco massimo delle prime sarà intorno al 21 e 22 novembre. Le seconde, originatesi dalla frammentazione della cometa 1741 Biela avvenuta nel 1852, sono visibili sporadicamente per alcune settimane nel cielo autunnale, con il picco verso metà novembre.

Share