Il cielo di agosto 2021

Il Sole

Le informazioni sono tratte dal Cielo del mese di agosto 2021 a cura della UAI.

Attualmente il Sole si trova nella costellazione del Cancro e il giorno 10 agosto si muoverà nella costellazione del Leone.

Di seguito sono riportati gli orari dell’alba e del tramonto nel corso del mese.

DataAlbaTramonto
1 agosto06:0620:30
15 agosto06:2020:12
31 agosto06:3719:47

Le fasi lunari

Di seguito sono riportate le fasi lunari per il mese di agosto 2021.

FaseDataOra
Luna nuova8 agosto15:50
Primo quarto15 agosto17:20
Luna piena22 agosto14:02
Ultimo quarto30 agosto09:13
Il cielo a mezzanotte del 15 agosto 2021.

Le costellazioni

Nel cielo a ovest saranno visibile per poco tempo le costellazioni zodiacali del Leone, con la stella Regolo, e della Vergine, con la stella Spica. Sorgono le grandi costellazioni estive: lo Scorpione con la stella Antares, il Sagittario, l’Ofiuco e la Bilancia. Alto nel cielo potrete scorgere Ercole, dalla caratteristica forma a trapezio. Sono protagoniste le grandi costellazioni estive: Bootes, con la splendida stella Arturo, la Lira con la stella Vega, il Cigno con la stella Deneb e l’Aquila con la stella Altair. Ben visibili come sempre le costellazioni circumpolari, tra le quali ricordiamo l’Orsa Maggiore, l’Orsa Minore, Cassiopea.

I pianeti

Mercurio

Il 1° agosto Mercurio sarà in congiunzione con il Sole e sarà pertanto inosservabile per quasi tutto il mese. Potremo tentare di scorgerlo a fine mese, tra le luci del tramonto per circa 45 minuti dopo il calare del Sole.

Venere

Venere sarà osservabile per circa un’ora e mezza dopo il tramonto del Sole, nel cielo a est. Il 10 agosto Venere lascerà la costellazione del Leone ed entrerà in quella della Vergine.

Marte

Marte è quasi inosservabile, essendo visibile tra le ultime luci del tramonto per un breve periodo. Ha condizioni di osservabilità simili a quelle di Mercurio, con il quale sarà in congiunzione il 19 agosto.

Giove

Giove sarà in opposizione con il Sole il 19 agosto, e si troverà quindi alla minima distanza dalla Terra e avrà le migliori condizioni di osservabilità possibili, essendo visibile brillante per tutta la notte. Nello stesso giorno, il gigante gassoso lascerà la costellazione dell’Acquario per ritornare in quella del Capricorno. Giove si sta muovendo di moto retrogrado.

Saturno

Saturno sarà in opposizione con il Sole il 2 agosto, e si troverà quindi alla minima distanza dalla Terra e avrà le migliori condizioni di osservabilità possibili, essendo visibile brillante per tutta la notte. Saturno si sta muovendo di moto retrogrado nella costellazione del Capricorno.

Urano

Urano sorge circa a mezzanotte e sarà visibile nella seconda metà della notte. Il giorno 20 agosto il pianeta inizierà a muoversi di moto retrogrado. Urano si trova nella costellazione dell’Ariete. Per osservare il pianeta è necessario l’uso del telescopio.

Nettuno

Nettuno sarà osservabile nella seconda parte della notte. Il pianeta continua ad anticipare il suo orario di levata in vista dell’opposizione con il Sole di settembre. Nettuno resterà nella costellazione dell’Acquario fino al 2022. Per osservare il pianeta è necessario l’uso del telescopio.

Plutone

Dopo l’opposizione dello scorso mese, Plutone è visibile per tutta la notte tra Giove e Saturno. Plutone si trova nella costellazione del Sagittario dove rimarrà fino al 2023. Plutone è inosservabile a occhio nudo ma anche con piccoli strumenti, è necessario almeno un telescopio da 200 mm per catturare la sua luce, essendo di magnitudine 14.

Le comete

La cometa C/2017 K2 PANSTARRS è una cometa non periodica scoperta nel 2017, ben cinque anni prima del suo perielio. La cometa è ancora lontana ma ormai brilla di tredicesima magnitudine e può essere localizzata nella costellazione di Ercole.

La cometa C/2020 T2 Palomar è una cometa poco spettacolare ma almeno accessibile a telescopi amatoriali. Essa è stata al perielio lo scorso 11 luglio e attualmente possiede una magnitudine pari a +10,50. Può essere localizzata nel corso del mese tra le costellazioni di Boote e la Vergine.

Per maggiori informazioni ed effemeridi aggiornate sulle comete, potete visitare il sito http://www.cfa.harvard.edu/iau/Ephemerides/Comets/index.html e la pagina dell’UAI http://comete.uai.it/.

Sciami meteorici

Il mese di agosto di quest’anno sarà favorevole all’osservazione delle meteore soprattutto nella prima parte del mese, complice il novilunio che sarà il giorno 8 agosto.

Una prima regione del cielo ricca di meteore è quella compresa tra  l’Aquila e l’Acquario, dove sono presenti alcuni radianti diffusi formati da bolidi che impattano l’atmosfera a bassa velocità.

A inizio mese brillano le alfa Capricornidi (max 1 e 2 agosto), le quali meritano di essere fotografate in quanto sono lente e brillanti e caratterizzate da una esplosione finale.

In seguito, meritano attenzione le delta Aquaridi (max 8 e 9 agosto) e le Aquilidi (max 12 agosto), visibili nella prima parte della notte, prima del sorgere della Luna.

Come ogni anno, invece, le grandi protagoniste saranno le Perseidi (max la notte tra il 12 e il 13 agosto), favorite dall’assenza del disturbo lunare. Il tasso orario previsto è di oltre 100 meteore all’ora, a patto di trovarsi sotto un cielo buio. In presenza di foschia o inquinamento luminoso, lo spettacolo sarà limitato alle meteore più brillanti.

E se non sarete ancora sazi, a fine mese potete osservare alcuni sciami meteorici come le kappa Cignidi (max 18, 19 e 20 agosto) caratterizzate da un radiante molto vasto tra il Cigno e il Dragone, e a fine mese le Aurigidi.

Congiunzioni